contenuti:

Origine dell'olmo montano

L'olmo montano (Ulmus Glabra) è un albero deciduo a foglie decidue e appartiene alla famiglia dell'olmo. È diffuso in Europa, Asia settentrionale e Nord America e può crescere fino a 30 metri di altezza.

Nella mitologia greca l'olmo era dedicato al dio Hermes. Hermes era considerato il protettore dei mercanti e dei ladri ed era visto anche come la guida delle anime verso il giudice del mondo. I frutti dell'olmo alato accompagnavano le anime in questo processo. Le ninfe spesso piantavano olmi per commemorare gli eroi caduti.
Tradizionalmente, gli inglesi usavano l'olmo montano per fabbricare le bare.

L'olmo montano ha una chioma ovale e allargata e la sua corteccia è inizialmente liscia e grigia, ma con l'invecchiamento diventa screpolata e nerastra.
Le foglie dell'olmo montano sono lanceolate e hanno una superficie liscia e lucida. In primavera l'olmo montano produce piccoli fiori verdi che poi si trasformano in frutti maturi. L'olmo montano è un importante albero da pascolo per le api ed è spesso piantato come albero stradale.

Da diversi anni esiste la malattia dell'olmo olandese causata da un'infezione fungina. Il fungo si diffonde grazie al vento e dopo che il fungo ha infettato gli alberi muoiono nel giro di pochi anni.

Cura e ubicazione dell'olmo montano

L'olmo montano preferisce una posizione soleggiata con terreno ben drenato e umido. Idealmente, il terreno dovrebbe essere leggermente acido o neutro.
L'olmo montano preferisce una posizione soleggiata, ma può crescere anche in zone d'ombra. Tuttavia, è importante notare che in queste condizioni avrà meno crescita e vigore e potrebbe essere più suscettibile agli attacchi di funghi e parassiti.

Potatura dell'olmo montano

L'olmo montano può essere potato per migliorarne la forma e controllarne la crescita. Tuttavia, bisogna fare attenzione a lasciare rami sani in modo che l'albero abbia abbastanza foglie per svolgere la fotosintesi.
In generale l’olmo montano è un albero più robusto che richiede poca manutenzione. Tuttavia, è importante controllarli regolarmente per verificare la presenza di parassiti e malattie e trattarli se necessario. Se si seguono questi consigli basilari per la cura, l'olmo montano rimarrà sano e bello per molti anni.

Innaffia l'olmo montano

Il fabbisogno idrico dell'olmo montano dipende da diversi fattori come l'età, le dimensioni, il terreno e il clima. L’aumento delle temperature e l’aumento della siccità possono mettere sotto stress l’olmo montano. A seconda della posizione e della situazione climatica, può essere necessario sostenere l'olmo montano annaffiandolo nei periodi secchi e nelle giornate di pieno sole. L'olmo montano ha bisogno di più acqua rispetto agli altri alberi e il terreno non deve mai seccarsi completamente. L'olmo montano dovrebbe essere annaffiato con una maggiore quantità d'acqua invece di annaffiarlo più volte in piccole quantità. A titolo indicativo si può ipotizzare un fabbisogno idrico compreso tra 75 e 100 litri per i giovani olmi montani e tra 150 e 200 litri per sessione di irrigazione per gli alberi più vecchi.

Quando si innaffia con un tubo da giardino, gran parte dell'acqua filtra dalla superficie ed evapora prima di poter essere assorbita dal terreno e dalle radici. Sacchetti per irrigazione per alberi sono una buona soluzione per prevenire il drenaggio superficiale e per garantire una penetrazione uniforme dell'umidità nella zona delle radici. Irrigano in modo più efficiente e allo stesso tempo risparmiano acqua.

Con un sacchetto di irrigazione baumbad i giovani alberi ricevono acqua sufficiente. Per irrigare alberi esistenti con un diametro del tronco maggiore, è possibile collegare tra loro due o tre sacche di irrigazione tramite cerniere.

Devi concimare l'olmo montano?

L'olmo montano non necessita di concimazioni regolari poiché di solito cresce in terreno naturale e può assorbire le sostanze nutritive dal terreno. Tuttavia, in terreni molto secchi e poveri di sostanze nutritive, può essere vantaggioso fornire occasionalmente alla pianta un fertilizzante organico come compost o trucioli di corno. Uno strato di pacciame aiuta a mantenere il terreno umido e previene la crescita delle erbe infestanti.

Bisogna fare attenzione per garantire che il pacciame non venga applicato direttamente sul tronco dell'olmo montano. Ciò può portare a problemi di funghi o muffe che possono danneggiare il tronco dell'albero.

Vuoi più conoscenza dell'albero?

Potrebbe interessarti

Innaffia il faggio comune

Origine del faggio comune Cura e ubicazione del faggio comune Taglio del faggio comune Irrigazione del faggio comune Concimazione del faggio comune...

Amarena – Innaffia l'albero di amarena

Origine delle amarene Cura e localizzazione delle amarene Tagliare le amarene Annaffiare le amarene...

Ottima idea, maneggevolezza e tutto, dall'ordine alla consegna.

Michael K.

La borsa per irrigazione Baumbad

Prendi la tua borsa per l'irrigazione premium