contenuti:

Origine del pero

La pera della coltura (Pyrus communis L.) appartiene alla famiglia delle rose e proviene da vari peri selvatici dell'Asia occidentale ed europei, nonché dal pero domestico domestico.
Era già in Grecia intorno al 1000 a.C. Coltivato. I Romani ne rilevarono la coltura e con la fine del periodo romano la coltivazione declinò. Dal 600 d.C. in poi monasteri e nobili ricominciarono a coltivarli.
Nell'antica Grecia era dedicato alla dea Era. Simboleggia l'amore, la fertilità e la crescita.
A differenza dei meli, i peri diventano relativamente vecchi. Ci sono esempi in Germania che si stima abbiano 180 anni.

Come quasi tutti gli alberi da frutto, le pere necessitano di un impollinatore vicino con lo stesso periodo di fioritura. I fiori sono impollinati da api e bombi.
I fiori sono bianchi e rosa chiaro e sbocciano in aprile e maggio. Le foglie sono di colore verde scuro, da ovali a ovoidali e tomentose su entrambi i lati con bordo finemente seghettato.
I frutti del pero sono di colore giallo-verdastro o brunastro e hanno forma sferica. A seconda della varietà, maturano tra luglio e ottobre. La polpa è più morbida e dolce delle mele. La maggior parte delle varietà di pere dovrebbero essere consumate o ulteriormente lavorate immediatamente dopo la raccolta. Alcune varietà autunnali e invernali, invece, devono essere conservate per un periodo di tempo più lungo finché non diventano morbide e sviluppano il loro aroma.

Cura e ubicazione del pero

Le pere amano i luoghi soleggiati, caldi e protetti. L'ideale è piantare davanti a un muro di casa esposto a est o a sud con terreno ricco di humus e umido. Gli alberi di pero hanno radici naturalmente profonde e possono utilizzare l'acqua proveniente dagli strati più profondi. Il fittone raggiunge solitamente una profondità di circa 10 metri. Tuttavia, molte forme coltivate sono state innestate su altri alberi, per cui, a seconda della varietà, si trovano anche alberi con radici poco profonde.

Potatura dei peri

Per favorire i nuovi germogli, i peri vengono tagliati tra gennaio e aprile. Dopo la fioritura si rimuovono i rami secchi e quelli interni. Vengono rimossi anche i germogli d'acqua e i rami in competizione con il ramo centrale. Questo taglio diradato rende l'albero più produttivo.

Innaffia correttamente i peri!

La misura di cura più importante nei primi anni dopo la semina è un'irrigazione adeguata. Per sviluppare radici, foglie e frutti forti, i giovani peri hanno bisogno di molta acqua. Gli alberi giovani generalmente richiedono più acqua aggiuntiva rispetto agli alberi maturi. Anche l’aumento della siccità e l’aumento delle temperature causano stress agli alberi. A seconda della posizione e della situazione climatica, potrebbe essere necessaria un'irrigazione più frequente rispetto agli anni precedenti.
In condizioni asciutte si formano solo pochi nuovi germogli e le giovani piante soffrono la mancanza d'acqua.
Gli alberi di pero dovrebbero essere annaffiati una volta alla settimana dalla primavera all'autunno. A loro piace il terreno umido senza ristagni d'acqua, quindi Irrigazione a goccia con una sacca per annaffiare il bagno degli alberi è ottimale. Con l'irrigazione tradizionale solo una frazione dell'acqua versata viene assorbita direttamente dall'albero. Grandi quantità di acqua penetrano solo nella superficie della terra ed evaporano nuovamente. Con i sacchi per irrigazione Baumbad, l'acqua viene rilasciata goccia a goccia sull'albero attraverso due piccoli fori per un periodo di diverse ore. Ciò garantisce che il terreno sia uniformemente inumidito in modo che le radici possano assorbire bene l'acqua.
Con un sacco per irrigazione Baumbad non solo risparmierai tempo e denaro, ma proteggerai anche gli alberi a lungo termine e in modo sostenibile.
La borsa viene posizionata attorno al tronco dell'albero come una giacca, chiusa con una cerniera e riempita d'acqua.

I giovani peri dovrebbero essere annaffiati con 75-100 litri per sessione di irrigazione. Gli alberi più grandi dovrebbero essere annaffiati con 150 - 200 litri di acqua per sessione di irrigazione nei periodi di tempo asciutto.

Devi concimare i peri?

Per immagazzinare meglio l'umidità e attivare la vita del suolo, si consiglia la pacciamatura con compost, pacciame di corteccia o sfalci di prato.

Le varietà standard e a mezzo stelo con radici forti e profonde di solito non richiedono fertilizzante. Nelle varietà con radici poco profonde l'assorbimento dei nutrienti è inferiore, quindi ha senso la fertilizzazione. Creando un disco dell'albero, l'albero può assorbire bene i nutrienti. L'area deve essere mantenuta libera dalle erbacce.

Vuoi più conoscenza dell'albero?

Potrebbe interessarti

Innaffia il faggio comune

Origine del faggio comune Cura e ubicazione del faggio comune Taglio del faggio comune Irrigazione del faggio comune Concimazione del faggio comune...

Amarena – Innaffia l'albero di amarena

Origine delle amarene Cura e localizzazione delle amarene Tagliare le amarene Annaffiare le amarene...

Ottima idea, maneggevolezza e tutto, dall'ordine alla consegna.

Michael K.

La borsa per irrigazione Baumbad

Prendi la tua borsa per l'irrigazione premium